La giardiniera di verdure in agrodolce rende speciali insalate e taglieri di salumi. Ed è ancora più buona, se la prepari con le tue mani! Ecco la ricetta

Giardiniera di verdure in agrodolce: ecco come farla a casa
Vasetti Bormioli

Il vantaggio di preparare a casa la giardiniera di verdure in agrodolce è che puoi eliminare quelle verdurine o ortaggi che proprio non ti piacciono! Ma fai attenzione alla conservazione.

Giardiniera di verdure in agrodolce: ecco come farla a casa

Dopo il bagnomaria, per non scottarti le mani, estrai i vasetti dall’acqua calda con le apposite pinze.

  • Preparazione 60-70 minuti
  • Cottura q.b.
  • Per 3 vasetti da 300 g + 1 vasetto da 500 g

Ingredienti

  • 350 g tra fagiolini, carote, peperoni e cavolfiore,
  • 400 g di sedano rapa,
  • 300 g di cipolline,
  • 1 cucchiaio di semi di senape,
  • 2-3 spicchi d’aglio,
  • 500 ml di aceto bianco,
  • 1 l d’acqua,
  • 50 g di sale grosso,
  • 230 g di zucchero

Preparazione

Bollite per 4 minuti l’acqua con il sale e lo zucchero e lasciate raffreddare. Dopo averle pulite e lavate, tagliate a pezzettoni tutte le verdure.

Sul fondo dei vasetti distribuite 1 cucchiaino di semi di senape e qualche fettina d’aglio. Sistemate le verdure nei vasetti. All’acqua salata e zuccherata aggiungete l’aceto e versate il liquido sulle verdure fino a coprirle.

Chiudete ermeticamente e cuocete la giardiniera a bagnomaria per 35 minuti da quando l’acqua alza il bollore (proteggete sempre i vasetti con pezzi di stoffa). Con le pinze estraete i vasetti dal bagnomaria e lasciateli raffreddare a temperatura ambiente. Riponeteli in luogo buio, fresco e asciutto.

I vegetali sott’olio

La cottura dei vegetali non deve essere prolungata: devono risultare “al dente” altrimenti durante le fasi di conservazione perdono consistenza. Anche le erbe aromatiche e le spezie che si utilizzano per aromatizzare le conserve devono essere sbollentate in acqua e aceto.

Terminata la cottura la verdura deve essere scolata e lasciata raffreddare, poi asciugata con un telo pulito. Va posta nei vasi cercando di colmare tutti gli spazi vuoti, poi ricoperta completamente con l’olio cercando di togliere l’eventuale aria ancora rimasta intrappolata tra gli ingredienti (utilizzate una piccola spatola di plastica). Si chiudono i vasi con le capsule nuove e si procede con la pastorizzazione a bagnomaria.